Le Sedi Provinciali

Il vercellese Renato Ciocchetti eletto presidente di CNA Pensionati Piemonte

Renato Ciocchetti presidente CNA Pensionati Piemonte

Il vercellese Renato Ciocchetti eletto presidente di CNA Pensionati Piemonte

Il vercellese Renato Ciocchetti è il nuovo presidente di CNA Pensionati Piemonte. La sua elezione è avvenuta martedì 28 maggio a Torino durante il congresso straordinario, che ha chiamato a raccolta i quasi 30 delegati dalle associazioni territoriali di tutta la nostra regione.

Ciocchetti dal 2017 è presidente del gruppo CNA Pensionati Piemonte Nord. Per anni ha ricoperto la carica di responsabile e coordinatore del gruppo CNA Pensionati a Vercelli, prima, e della CNA Piemonte Nord, poi, dopo l’unione delle CNA delle province di Novara, Vercelli e VCO.

Il mio impegno e quello che della nuova presidenza che mi affiancherà – spiega Ciocchetti – sarà quello di riorganizzare l’attività del gruppo a livello regionale ed anche sui singoli territori. Vogliamo dialogare con le tutte le amministrazioni. Vogliamo chiedere attenzione ai molti temi che riguardano i pensionati: primi fra tutti la sanità e il welfare. Ma vogliamo anche renderci utili agli altri, mettendoci a disposizione per progetti che riguardano la sicurezza, l’ordine e la pulizia delle nostre città. In Piemonte abbiamo 9.500 pensionati associati. Vogliamo coinvolgerli e renderli partecipi delle iniziative che la CNA organizza per loro”.

Progetto ‘Nonni per le città’, accordo fra CNA Pensionati e Anci

Proprio nei giorni seguenti l’elezione di Ciocchetti a presidente del Gruppo CNA Pensionati Piemonte, è stato sottoscritto un protocollo d’intesa fra CNA Pensionati a livello nazionale e l’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) che permetterà di rendere concreto uno dei progetti di mandato del nostro neo presidente.

CNA Pensionati e Anci hanno infatti sottoscritto il protocollo d’intesa per il progetto ‘Nonni per le città’. Una collaborazione per promuovere progetti di amministrazione condivisa e partecipata.

“Vogliamo rappresentare un presidio attivo sul territorio – ha sottolineato il presidente di CNA Pensionati Giovanni Giungi – in termini culturali e sociali. Una presenza che possiamo far valere, nei parchi, nelle piazze ma anche accanto al grande patrimonio di beni culturali di cui è ricco il nostro Paese”.

La collaborazione con i sindaci è la prima iniziativa di questo genere nel panorama nazionale. Questa scelta conferma che i valori della sostenibilità e solidarietà rappresentano un tratto distintivo delle donne e degli uomini artigiani della CNA. Volontari a servizio delle comunità che potranno svolgere il ruolo rilevante come sentinelle e custodi dello sconfinato patrimonio dei beni culturali dell’Italia.

Tra gli obiettivi del protocollo d’intesa non c’è solo l’impegno a carattere volontario a svolgere piccoli lavori, interventi di manutenzione e riparazione dei beni pubblici. La collaborazione tra Anci e CNA Pensionati punta anche a essere un ponte tra le generazioni favorendo la trasmissione delle competenze, delle tecniche e dei valori del saper fare artigianato.